Archive for ottobre, 2017

ARTICOLI SCIENTIFICI

Posted by

  1. Zamariola G, Cardini F, Serino A, Tsakiris M. Zamariola, G.,Cardini F., Mian, E., Serino, A, Tsakiris – “Can you feel the body that you see? On the relationship between interoceptive accuracy and body image”Body Image, 2017
  2. Mian, E., Russo, E., “BBQ o Barbeque? Un nuovo strumento per la valutazione del paziente prima e dopo la chirurgia bariatrica” – Congresso Nazionale SICOB-SIO Venezia, 2017
  3. Mian, E.Computer-aided & App-based psychotherapy for obese patients”- Obesity Care and Cure Congress- Dubai (UAE), 2017
  4. Mian, E. MindFoodNess: un nuovo approccio a cibo, corpo ed emozioni”- LA Case Books, Los Angeles (CA-USA), 2017
  5. Mian, E.MindFoodNess and Emotifood: audiobooks and a smartphone application to support people with eating and weight disorders in a CBT-based environment” – European Association for Behavioural and Cognitive Therapy – Congresso Europeo Lubiana (SLO), 2017
  6. Cazzato, V., Mian, E., Serino, A., Mele, S. & Urgesi, C. (2015) “The effects of body exposure on self- body image and esthetic appreciation in anorexia nervosa” – Exp Brain Res 2015 Nov 19
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26586269
  7. Cazzato, V., Mian, E., Serino, A., Mele, S. & Urgesi, C. (2015) “Distinct contributions of extrastriate body area and temporoparietal junction in perceiving one’s own and others’ body Cognitive, Affective, & Behavioral Neuroscience– March 2015, Volume 15, Issue 1, pp 211-228
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25047105
  8. Cazzato, V., Mele, S., Mian, E., Tognana, G., Todisco, P. & Urgesi, C. (2014) “Effects of body image exposure on esthetic preference: the case of Anorexia Nervosa” – Body Image 09/2014; 11(14):581
    https://www.researchgate.net/publication/265651394_Effects_of_body_image_exposure_on_esthetic_preference_the_case_of_Anorexia_Nervosa
  9. Mian, E., Bertolani, L., Russo, E., Ravasio, G., Giovanelli, A. “Percezione e Insoddisfazione Corporea nei pazienti obesi candidati a intervento di chirurgia bariatrica.” – Congresso Nazionale SICOB- Abano Terme 2012
  10. Mian, E., Bertolani, L., Russo, E., Ravasio, G., Giovanelli, A. “L’approccio psicologico pre e post intervento in chirurgia bariatrica.” – Congresso Nazionale SICOB- Reggio Calabria 2011
  11. Cazzato, V., Mian, E., Siega, S., Urgesi, C. “Come mi vedo e come mi vedi? Ruolo della corteccia occipito- temporale e temporo-parietale nella rappresentazione percettiva e meta-cognitiva del proprio corpo.” – Associazione Italiana di Psicologia- Convegno Nazionale- Catania 2011
  12. Mian, E. “Emetofobia, la “paura del vomito”: verso una diagnosi differenziale ed un modello cognitivo comportamentale” – XV Congresso Nazionale della Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva, Milano, 2010
  13. Mian, E., Lacalamita, C. “Love Yourself- The Poison Candies Project): an eating disorders prevention program for adolescents and families” –  Netzwerk Esstoerungen-Austrian Society for Eating Disorders- Alpbach, 2010

 

  1. Mian, E., “Psychological support for obese patients after bariatric surgery” – Netzwerk Esstoerungen-Austrian Society for Eating Disorders- Alpbach, 2009
  2.  Mian, E., Gerbino, Ubaldi,S. & Serino, A. W. “Selective visual attention for body parts during body image assessment using a digital method” – XVII Trieste Symposium On Perception And Cognition Kanizsa Memorial Lecture
  3. Mian, E., Gerbino, W. “Body Image Assessment in the Computer Aided Psychological Support for Eating Disorders” – Frontiers in Neuroengineering. Annual CyberTherapy and CyberPsychology, 2009
  4. Mian, E. “Il disturbo della rappresentazione corporea” – Universita’ di Bologna
    Seminario di Neuropsicologia e Riabilitazione Neuropsicologica nell’Adulto
  5. Mian,E., Lacalamita, C. “Immagine Corporea e Alimentazione Disturbata negli Adolescenti: Indagine Preliminare in Friuli Venezia Giulia” – Educare n.1 Anno 9- Dicembre 2008
  6. Mian, E. & Gerbino, W. “The effect of the experimental presentation of thin media images on body satisfaction in young females– XVI Trieste Symposium On Perception And Cognition Kanizsa Memorial Lecture
  7. Mian, E., Gerbino, W. “The effects of exposure to thin media images in young females” – Lubiana 20088th Alps Adria Psychology Conference
  8. Mian,E., Lacalamita, C.,Mattaloni, E. & Fanni Canelles, M. “A prevention program for disturbed eating and body dissatisfaction in adolescent girls: a 18 months follow-up”. Netzwerk Esstoerungen-Austrian Society for Eating Disorders- Alpbach, 2008
  9. Mian, E. “La percezione del rischio: strategie d’intervento in adolescenza” – Educare, n.5, 2008
  10. Mian, E., Gerbino, W. “A structured morphing technique for the assessment of body image” – The sense of body – An Interdisciplinary Summer School on Body Representation”, Bologna
  11. Mian, E., Fanni Canelles, M. “Is Emetophobia different from Anorexia Nervosa? A preliminary investigation” – Netzwerk Esstoerungen-Austrian Society for Eating Disorders- Alpbach, 2008
  12. Mian, E. & Fanni Canelles, M. “Correlazioni fra comportamenti devianti e abbandono scolastico” – Educare, n.9, 2008

 

  1. Mian, E. “A preliminary survey on eating behaviors and body image concerns among adolescents of Friuli Venezia-Giulia (Italy)” – Netzwerk Esstoerungen-Austrian Society for Eating Disorders- Alpbach, 2007
  2. Mian, E. “Body Image 07: a prevention program for Eating Disorders in Italian adolescents” – European Council on Eating Disorders – Porto, 2007
  3. Mian, E. “Devotee-Devoti, viaggio all’interno di un fenomeno inesplorato” – Edizioni Phasar, 2007
  4. Mian, E., Vanderlinden J.,Pieters G.,Dalle Grave R., & Probst, M. “A new method to assess body image disturbances using a morphing technique” – Academy of Eating Disorders-Barcellona (’06) Eating Disorders throughout the World: Exploring Similarities and Differences
  5. Mian, E., Vanderlinden J.,Pieters G.,Dalle Grave R., & Probst M. “Testing a new digital method to assess body image in eating disorder patients: a multi-centric pilot study” – Netzwerk Esstoerungen- Alpbach, 2006
  6. Mian, E. “Specchi, viaggio all’interno dell’immagine corporea” – Edizioni Phasar 2006ISBN 88-87911-56-8
  7. Innovaction 2006 “Tecniche di videosimulazione per la diagnosi e terapia dei disturbi alimentari” – Udine
  8. Immagine Corporea e Patologie Psichiatriche: i Disturbi del Comportamento Alimentare” – Trieste 2006, Centro Congressi Stazione Marittima
  9. Obesità grave: malattia curabile” – Istituto Clinico Sant’Ambrogio – Milano
  10. Anoressia e Bulimia: una battaglia che si può vincere con la prevenzione” – Torino
  11. Motivazione e Cambiamento nel supporto psicologico della persona obesa ed in sovrappeso” – Meeting Associazione Insieme, Milano
  12. Il supporto psicologico nel trattamento dell’obesità” – Meeting Associazione Insieme, Verona
  13. Immagine Corporea e Insoddisfazione Corporea indagata mediante tecniche di videosimulazione” – Università di Trieste per i dottorandi della Scuola di Dottorato in “Neuroscienze e Scienze Cognitive”
  14. Seminario “Alimentazione e Salute: aspetti educativi e di prevenzione” nell’ambito del Corso di formazione per Operatore Animatore Sport Educativo Integrato” Evento organizzato da Calicanto ONLUS
  15. L’Immagine Corporea nella Paziente Oncologica presso l’Ordine dei Medici di Trieste” – Ciclo di conferenze indetto dall’ADOS – Associazione Donne Operate al Seno
  16. Corso di formazione e informazione sui disturbi del comportamento alimentare negli adolescenti” proposto dalla Onlus “Adolescenza senza Zucchero” presso l’Aula Scienze Infermieristiche Ospedale Gervasutta di Udine con un seminario su “Diagnosi e Trattamento del Disturbo dell’Immagine Corporea nell’ Anoressia e Bulimia Nervosa
  17. Il bullismo nella scuola e nella società” con intervento dal titolo: “Bullismo e Nuovi Media: analisi di un fenomeno contemporaneo
  18. Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività (ADHD)”, presso la Società Antroposofica, sede di Trieste
  19. Tavola rotonda indetta dalla “Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori” riguardo la pubblicità ingannevole con un intervento dal titolo: “Psicologia e cibo in pubblicità: fra alimentazione e persuasione
  20. 3° edizione di Innovaction nel corso della conferenza “Da matti a cittadini d’Europa” con un intervento dal titolo: “Depressione, Obesità e Pregiudizio: la Triade del Disagio Mentale
  21. Il Mondo dei Minori” presso il Circolo della Stampa di Trieste con un intervento riguardante la Prevenzione dei Disturbi del Comportamento Alimentare nelle scuole secondarie superiori
  22. Abbandono Scolastico e Devianza Minorile: Volontariato Sociale e Istituzioni insieme per recuperare la funzione educativa” presso il Centro Sudi Europeo sulla Devianza Minorile di Nisida (Napoli)
  23. Convegno “La percezione del rischio nell’adolescenza – Aspetti devianti nell’adolescenza” presso l’Auditorium Zanon a Udine
  24. 15° Congress Esstoerungen ad Alpbach (Austria) indetto dal Netzwerk Esstoerungen
  25. Relatore allo “European Council on Eating Disorders” a Porto (Portogallo)
  26. Insieme ad Augusto Odone, padre di Lorenzo, Presidente Onorario del Comitato Italiano Progetto Mielina, alla Conferenza tenutasi a Udine il 21 settembre sull’Adrenoleucodistrofia
  27. International Conference on Eating Disorders indetta dall’ Academy of Eating Disorders a Barcellona con un intervento su: “L’ Assessment dell’Immagine Corporea in Soggetti con un Disturbo Alimentare: il Test di un nuovo Strumento Digitale”.
  28. 14° Congress Esstoerungen ad Alpbach (Austria) indetto dal Netzwerk Esstoerungen
  29. Innovaction 2006” con un intervento sul tema: “Tecniche di videosimulazione per la diagnosi e terapia dei disturbi alimentari
  30. Conferenza “Immagine Corporea e Patologie Psichiatriche: i Disturbi del Comportamento Alimentare” patrocinata da Technoseed del Parco Scientifico e Tecnologico di Udine, dal Rotaract Club di Trieste e da Unicredit Banca Spa
  31. Conferenza “Fair play ed etica” – Sala del Consiglio, Provincia di Udine

#QUASI3MINUTICON

Posted by

#Quasi3minuticon ME

Un’altra webserie, unica e originale, ideata e condotta da Emanuel Mian, per rispondere alle tantissime domande che ogni giorno riceve dai suoi pazienti nella pratica clinica quotidiana e dai canali social dove Emanuel Mian è un punto di riferimento sempre presente e disponibile.
Ogni lunedì il dott. Mian risponde a un vostro quesito; qui troverete tutte le domande cui ha risposto il nostro esperto!

LO PSICOLOGO IN BLUE JEANS

Posted by

Lo psicologo in blue jeans

La nuova webserie di Emanuel Mian per spiegare tutte le sfaccettature della psicologia in modo semplice e senza fronzoli. Ogni puntata una tematica di particolare interesse.

EMOTIFOOD APP

Posted by

Stiamo elaborando la nuova applicationEmotiFood” per i nostri pazienti. L’idea è nata proprio dialogando con loro e raccogliendo tutte le osservazioni e le esigenze emerse nella pratica quotidiana con persone che hanno problemi di peso e di rapporto con il pasto e con il cibo in generale.

La nuova app sarà disponibile a breve. Consentirà a ciascun paziente di poter gestire ogni singolo pasto sulla base di parametri preimpostati del proprio profilo e della propria singola giornata.

Vuoi essere informato con anticipo?
Scrivici a questa mail info@emanuelmian.it

CORSI ECM

Posted by

Riservato a:  Psicologi-Medici-Dietisti-Biologi Nutrizionisti e Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica
Sede: Hotel Royal Falcone, Monza
Organizzazione: Emotifood/Centro Ricerche Emozioni & Alimentazione (CREA)
INFORMAZIONI, ISCRIZIONE E PROGRAMMA Vai alla pagina dedicata

Fino al 23 ottobre c’è la possibilità di avere biglietti a costo più vantaggioso

→ Guarda la preview

→ Hotel Royal Falcone, Monza

LIBRI

Posted by

Lo stress ti si legge in faccia? Ecco perché succede e come evitarlo

Posted by

Emanuel Mian ci spiega che cosa succede quando siamo stressati ma soprattutto dà ottimi consigli per cercare di evitarlo, lo stress …. E voi, avete imparato a gestirlo?

Mangiare bene per correre meglio

Posted by

È possibile correre meglio migliorando le proprie abitudini alimentari? Emanuela Russo – Dietista, Responsabile dell’Area Nutrizione di Emotifood, ne parla su VanityFair.it

Perché la gravidanza è il momento per riscoprire (e amare) il proprio corpo

Posted by

Con il pancione cambia la percezione del corpo, però non è il caso di negare la femminilità, semmai di esaltarla e condividerla, Emanuel Mian, uno fra i massimi esperti di percezione corporea in Italia, ne parla sulla rivista Gioia.

Giornata mondiale dell’obesità: l’intervista al dott. Emanuel Mian

Posted by

Obesità ed emozioni: un’ intervista che vi svela anche come sia nato il progetto Emotifood!

Dieta: per perdere peso la motivazione è fondamentale

Posted by

Il cervello è più forte del fisico. Per dimagrire in modo efficace servono costanza, regolarità, ma anche determinazione, crederci davvero fino in fondo. I consigli di Emanuel Mian, psicologo e psicoterapeuta di Emotifood.

Guardarsi allo specchio è un’arte: cosa vediamo davvero di noi allo specchio? Perché a volte ci vediamo belle e altre no?

Posted by

Perché quando ci guardiamo allo specchio, l’immagine che ci rimanda non è sempre convincente? Un’Immagine Corporea positiva è importante per tutti, non solo per chi lotta con il cibo o le proprie forme. Al contrario, un’Immagine corporea negativa o distorta è alla base dei disturbi del comportamento alimentare. Impariamo a specchiarci con i consigli di Emanuel Mian.

Non accettarsi

Posted by

Emanuel Mian risponde a un lettore di “OkSalute”.

Un caso di dispercezione corporea

Posted by

Si tratta di un disturbo dell’immagine corporea.  Ne parla il dr. Emanuel Mian.

Bambini in sovrappeso

Posted by

L’11% dei bambini salta la colazione, e il 41% beve ogni giorno bevande ricche di zucchero. Ecco 10 consigli per le mamme da Emotifood.

Perdita di peso, ossessione con abbuffate

Posted by

La risposta di Emanuel Mian – Psicologo di Emotifood ad una lettrice di OK Salute e Benessere.

Disturbi alimentari ed evento traumatico

Posted by

“I disturbi alimentari e dell’immagine corporea (il non piacersi, accettarsi o percepirsi diversamente da come si appare davvero) hanno sempre una spiegazione.” Ci dice Emanuel Mian, continua a leggere

La psicologia del paziente affetto da obesità intenzionato a operarsi

Posted by

Emanuel Mian ci parla in questa intervista dell’importanza di un supporto psicologico per la persona affetta da obesità per tutto il percorso di trattamento, con o senza intervento bariatrico, sin dalla fase di preparazione ad esso, nel caso ci sia l’idoneità, sia subito dopo e durante il follow-up per supportare la persona (e chi gli sta vicino). Il paziente deve sentire di poter contare su un professionista esperto e capace di ascoltarlo e di sostenerlo anche nei momenti di maggiore disagio o fragilità.

La dieta di Pippa

Posted by

Emanuela Russo – Dietista di Emotifood parla della “dieta di Pippa Middleton” e di molti altri …Top Secret!

Rifiuto di frutta e verdura

Posted by

“… Fin da piccola non ho mai mangiato verdura e frutta solo alcuna. Il mio problema è che io a priori non la voglio perché sono convinta che non mi piace e anche se l’assaggio non mi piace.  C’è un modo per far sì che io riesca ad iniziare a mangiarla?” Risponde Emanuel Mian.

19 dubbi sulla dieta che non hai mai osato chiedere

Posted by

Qui, finalmente, tutte le risposte di Emanuela Russo, dietista responsabile area nutrizione di Emotifood

Dipendenza da cibo

Posted by

OK Salute e Benessere, 29 maggio 2017
“Lotto con le diete da sempre, ma sono convinta di avere un serio problema mentale, il cibo è la mia droga, passo dei periodi in cui non riesco a controllarmi….” Emanuel Mian risponde alla domanda di questa lettrice.

MINDFOODNESS

Posted by

La collana di audiobook che ti aiuta a trovare equilibrio e benessere psicofisico. Per mangiare, pensare ed emozionarsi con consapevolezza e…meglio!
Ascolta la voce di Emanuel Mian con l’app gratuita Audible sui tuoi dispositivi iOS, Android e Windows.

Mindfoodness è uno strumento semplice, veloce e pratico “Ho voluto iniziare questo progetto editoriale puntando sull’audiobook perché questo formato mi permette di sviluppare e valorizzare le potenzialità della voce, strumento fondamentale nel mio rapporto quotidiano con i pazienti e non solo. In più il formato digitale, che sia il download o lo streaming, permette all’ascoltatore di avere sempre con sé nel suo smartphone l’audiobook che, grazie alla tecnologia, può diventare un compagno di viaggio a cui chiedere consiglio quotidianamente”.
Emanuel Mian

I tre volumi pubblicati nel 2017, sono editi dalla Casa Editrice LA CASE Books editore californiano specializzato in ebook e audiolibri.
Una collana di audiobook adatta a chi vuole perdere peso, ma anche a chi vuole restare in forma o, semplicemente, a chi deve affrontare pensieri difficili da scacciare e timori quando si trova davanti ad un piatto. Lo scopo della collana MindFoodNess infatti è quello di creare, insieme a Emanuel Mian, nuove abitudini di successo con il cibo, con gli altri e intorno a noi, scoprendo, dove prima c’era paura di non farcela o di perdere il controllo, una nuova curiosità e consapevolezza di noi e dei nostri nuovi alleati: la nostra mente, la nostra bocca, la nostra pancia e… noi stessi!

MindFoodNess è per tutti: uomini e donne, giovani e meno giovani, perché è pensato in modo che le frasi attorno a cui ruota il singolo audiobook e i relativi esercizi possano essere tarati sull’esperienza quotidiana di ognuno di noi, giorno dopo giorno, per permetterci di riconoscere il valore di ciò che dà significato alla nostra vita.

Organizzarsi: Io e la mia agenda

Posted by
  • Da soli o in compagnia
    Questo esercizio va eseguito da soli.
  • Qual è l’obiettivo
    Questo esercizio è la diretta conseguenza del “Fare ordine: io e la mia stanza
    Lo scopo non è più quello, forse elementare di riordinare una stanza ma quello – più difficile – di mettere ordine nella propria vita
  • Materiale richiesto
    Un’agenda
  • Durata dell’esercizio
    Un’ora di tempo libero.

 

LE 4 FASI DELL’ESERCIZIO

1

Pensiamo – per una decina di minuti – che cosa stiamo facendo nella vita.

2

Pensiamo ora a dove vogliamo arrivare e a quali sono i nostri obiettivi.

3

Domandiamoci se ci stiamo impegnando al massimo per raggiungere i nostri obiettivi.

4

Annotiamo sull’agenda, per ogni mese, la scadenza che riteniamo più importante. Ci ritroveremo così, con dodici date, corrispondenti a dodici mesi dell’anno, utili a ricordarci quali sono le nostre priorità.

Volersi bene: Io e il diario

Posted by
  • Da soli o in compagnia
    Questo esercizio va eseguito da soli.
  • Qual è l’obiettivo
    L’esercizio ha lo scopo di mettere nero su bianco i nostri sentimenti più intimi.
  • Il materiale richiesto
    Un diario o un semplice quaderno e una penna.
  • Durata dell’esercizio
    Almeno 30 minuti circa, alla sera, tutti i giorni

 

LE 4 FASI DELL’ESERCIZIO

1

Alla fine della giornata, ritiriamoci in una stanza dove nessuno ci disturbi.

2

Abbassiamo le luci e tentiamo di rilassarci, seduti – possibilmente – su una poltrona comoda.

3

Ripercorriamo con la mente – per una quindicina di minuti – gli avvenimenti più importanti della giornata, senza distinzione tra negativi o positivi.

4

Riportiamo i nostri pensieri su un diario e poniamoci delle domande senza inibizioni, giacché saremo noi soli a leggere. Chiediamoci, per esempio:

  • Mi sono comportato come volevo
  • Se potessi tornare indietro, farei altrettanto?
  • Quali conseguenze avranno le mie azioni sugli altri?
  • Se fossi stato nei panni dell’altro, avrei voluto si comportasse come me?
  • Ho lascito qualcosa in sospeso?
  • Il mio agire può essere un esempio positivo per chi mi sta accanto?

Accettarsi: Io e lo specchio

Posted by
  • Da soli o in compagnia
    Questo esercizio va eseguito da soli.
  • Qual è l’obiettivo
    L’esercizio ha lo scopo di aiutarci a essere più magnanimi con noi stessi, evitando di amplificare ogni minimo difetto e imparando così ad accettarsi per quello che si è.
  • L’atteggiamento corretto
    Quando riscontriamo un difetto, cerchiamo di essere obiettivi e proviamo a capire se si tratta realmente di un difetto o se siamo solo noi, a giudicarlo tale. Spesso, ciò che sembra brutto non viete notato dagli altri se non nel momento in cui siamo noi stessi a farlo osservare.
  • Il materiale richiesto
    Uno specchio, possibilmente di altezza uguale o superiore alla nostra (è necessario vedere riflesso il proprio corpo per intero).
  • Durata dell’esercizio
    30 minuti circa, tutti i giorni

 

LE 4 FASI DELL’ESERCIZIO

1

Poniamoci di fronte allo specchio, in posizione eretta, vestiti con indumenti intimi.

2

Osserviamoci per circa 10 minuti senza soffermarci né sulle parti del corpo che ci piacciono né su quelle che non ci piacciono.

3

Dedichiamo 10 minuti esclusivamente a ciò che ci piace di noi e cerchiamo di capire se può essere valorizzato.

4

Dedichiamo 10 minuti esclusivamente a ciò che non ci piace di noi e cerchiamo di capire se è possibile porvi rimedio.

Fare ordine: Io e la mia stanza

Posted by
  • Da soli o in compagnia
    Questo esercizio va eseguito da soli.
  • Qual è l’obiettivo
    L’esercizio potrebbe sembrare in un primo momento banale ma non lo è affatto. Il suo scopo è quello di prepararci all’esercizio “Organizzarsi. Io e la mia agenda” e rendere quest’ultimo meno invasivo.
  • Durata dell’esercizio
    Un’ora di tempo libero.

 

LE 3 FASI DELL’ESERCIZIO

1

Entriamo nella nostra stanza preferita con l’intenzione di riordinarla, dopo averla di proposito lasciata in disordine per qualche giorno

2

Nei primi 10 minuti, osserviamo l’ambiente senza toccare nulla.

3

Elaboriamo in cinque minuti un piano di questo tipo, per pulire e riordinare: gettare via ciò che non serve. Spolverare. Spazzare. Lavare.

Sviluppare un’immagine corporea positiva

Posted by

Un’immagine corporea positiva è d’importanza rilevante per tutti, non solo per chi lotta con il cibo o le proprie forme. Per contro, un’immagine corporea negativa o distorta è alla base dei disturbi alimentari, tanto è vero che l’insoddisfazione corporea e la focalizzazione delle proprie preoccupazioni per il peso o le forme corporee sono criteri diagnostici per anoressia e bulimia.

5 CONSIGLI PER SVILUPPARE UN’IMMAGINE CORPOREA SALUTARE

1

PRESTIAMO ATTENZIONE alle sensazioni interne che il corpo ci invia, quali fame, senso di sazietà, fatica. Il suggerimento è quello di mangiare quando si sente lo stimolo della fame ed evitare invece di farlo perché si deve.

2

APPREZZIAMO I PIACERI che il nostro corpo può e deve darci. Per comprendere appieno l’importanza della “macchina meravigliosa” che è il nostro corpo, è importante lasciarsi andare di più e impegnarsi in attività fisiche quali la danza o gli sport individuali e di squadra, in base alle proprie preferenze. L’esercizio fisico regolare e le attività d nostro gradimento vanno svolte indipendentemente dal proprio peso corporeo.

3

ACCETTIAMO IL NOSTRO CORPO PER QUELLO CHE È evitando di cristallizzare il pensiero su che cosa invece potrebbe essere. Cerchiamo di essere realistici sulle misure corporee ma non dimentichiamo che anche con obesità di secondo e terzo grado è possibile fare dell’attività fisica o dello sport regolarmente.

4

ASPETTIAMOCI VARIAZIONI DEL CORPO su una base settimanale o, meglio ancora mensile, ma mai giornaliera! Tentiamo di essere compiacenti ed indulgenti verso noi stessi: pesarsi in continuazione non ha alcun senso e provoca solo inutile stress. Se proprio vogliamo impegnarci a fondo nel tentativo di ottenere un “corpo perfetto”, scriviamo su un foglio quante energie e quanto tempo sottraiamo a noi stessi e a chi ci sta accanto, pur di raggiungere lo scopo prefissato.

5

CERCHIAMO L’INCORAGGIAMENTO DI FAMILIARI ED AMICI ogni volta che viviamo un momento di pessimismo che ci porta a vederci poco attraenti.