Archive for agosto, 2018

Ad ogni colore, la sua emozione

Posted by

Scegliere un colore piuttosto che un altro non è solo questione di gusto, e nemmeno di moda. Ogni colore ha un significato ben preciso che può influenzare le nostre scelte e i nostri comportamenti, anche a tavola.

Da un punto di vista puramente “meccanico”, la nostra percezione dei colori dipende da alcuni recettori posti nella retina, che hanno il compito di tradurre la luce ed elaborarla nelle varie sfumature che compongono l’arcobaleno.

Il colore influenza le nostre scelte a tavola e non solo
Parlando di comportamenti alimentari, uno studio del 2012 effettuato dalla Cornell University di New York ha dimostrato come il colore possa influenzare le nostre scelte a tavola: tra le persone coinvolte, quelle che avevano posate e piatti dello stesso colore o nuance degli alimenti, mangiavano il 22% di cibo in più rispetto alle altre (se vuoi riuscire a consumare una maggiore quantità di insalata – sazia subito con poche calorie – prova ad esempio ad utilizzare una ciotola verde). Inoltre se il colore del piatto era coordinato a quello di posate e tovaglioli, ma non con il cibo, il pasto risultava del 10% più parco e la propensione verso gli alimenti andava dipanando.

Sempre parlando di alimentazione, ci sono poi alcuni colori che ci fanno sentire più affamati di altri: si tratta del giallo e del rosso in particolare, poiché quest’ultimo implica una velocizzazione delle azioni e una maggiore reattività (non a caso sono quelli prescelti dalle più grandi catene di fast-food…).

Una ricerca condotta dalla UCLA (University of California, Los Angeles) ha invece dimostrato come tutti i colori con una grande luminosità (come ad esempio il giallo) accendano una risposta emotiva molto forte, e aiutino ad esempio nella concentrazione. Per questo, in ufficio la presenza di un mazzo di girasoli può essere un buon modo per aiutare a non perdere il focus e l’attenzione.
Il giallo è il colore della razionalità e della lucidità di pensiero, associate all’emisfero sinistro del cervello. Il cibo giallo aiuta a disintossicare l’organismo e a eliminare le tossine in circolazione.

Ma torniamo al rosso, che è considerato il colore per eccellenza legato alla sessualità. Un abito rosso può nascondere, secondo gli esperti, una propensione accentuata da parte di chi lo indossa, verso l’altro sesso. Ciò è stato riscontrato anche nel comportamento dei primati: le femmine avevano una risposta sessuale maggiore verso i maschi che presentavano sul corpo più parti di colore rosso.
Il rosso è il colore della vita stessa, del fuoco, del sangue, della passione e del pericolo. Ne abbiamo bisogno nel cibo che mangiamo, negli abiti che indossiamo e nell’ambiente che ci circonda per stimolare il sistema nervoso a rilasciare adrenalina nel sangue e migliorare la circolazione. Ci aiuta a mettere radici nella realtà e a sentirci più sicuri.
Per un approccio più lieve meglio indossare il rosa dunque, anche se negli uomini può corrispondere a narcisismo.

I colori, inoltre, sarebbero anche in grado di aiutarci a mantenere il controllo e la concentrazione quando siamo sul lavoro: utilizzare 2 monitor con 2 salvaschermi, uno verde/violetto (calma), l’atro giallo/rosso (focalizzazione sull’obiettivo), potrebbe davvero fare la differenza in termini di risultato finale.

Il rosso, il giallo e l’arancione sarebbero anche utili per migliorare lo stato d’animo, a differenza del blu, verde e grigio, colori più freddi che in qualche modo possono essere collegati alla mancanza diretta di sole, e che potrebbero peggiorare l’umore soprattutto in stati di depressione già conclamata. L’arancione è associato al pensiero positivo, è il colore della giovinezza e dell’azione. Il cibo arancione facilita la digestione. Se avete difficoltà a dormire, visualizzare il blu, può essere d’aiuto. È il primo dei colori freddi dello spettro e la sua azione è contraria a quella del rosso. Mentre quest’ultimo stimola, espande e riscalda, il blu calma, contrae e rinfresca.

Il turchese è il colore della comunicazione e della condivisione; è il colore ideale per parlare in pubblico perché la combinazione del blu e del verde è in grado di creare armonia tra voi e chi vi ascolta. Il blu cobalto corrisponde ad una sensazione di calma (del tipo “sto bene con me stessa”).

Il marrone è un colore ricchissimo di associazioni con la madre Terra. Tendiamo a darlo per scontato, perché “è sempre lì”, solido e affidabile, rassicurante, come i mobili di casa. Un eccesso di questo colore può indurre a temere il cambiamento e a rifiutare tutto ciò che è nuovo e poco familiare.

Il colore viola è il colore della meditazione, della spiritualità e dell’ispirazione. L’effetto generale del viola è quello di armonizzare corpo, mente e spirito, l’interiorità con il mondo esterno.

Indossare il nero conferisce dignità e potere nell’immaginario comune; è il colore del lutto, della formalità ma anche della classe nell’abbigliamento da sera. Può anche avere una funzione protettiva ed è un colore adatto da indossare quando ci si sente vulnerabili e si ha bisogno di prendere un po’ le distanze dal mondo. Forse è anche per questo che è così popolare tra i giovani.

Al contrario di quanto accade per il nero, le espressioni che ci richiamano al concetto del “bianco” hanno per lo più un significato positivo, di purezza. Il bianco dell’abito da sposa è simbolo per eccellenza di purezza ed innocenza virginali. Il camice del medico di pulizia ma anche di professionalità. Il bianco è anche associato alla spiritualità.

Riguardo al piatto a tavola e la nostra quotidianità: più colori riuscirai a mixare nelle tue preparazioni, e più sarà semplice rendere appetibili le pietanze, anche se scegli di utilizzare ingredienti semplici e sani. L’occhio infatti arriva prima della pancia.

E ricorda: l’uso di un colore unico sta ad indicare una scelta selettiva, che vuol dire ricerca di controllo, paura del cambiamento e dunque fragilità. Mangia e apparecchia colorato: l’umore ci guadagna, e con esso anche la tua salute.

L’etichetta nutrizionale… questa sconosciuta!

Posted by

L’etichetta serve a identificare esattamente un prodotto. L’etichetta nutrizionale è presente per Legge su tutti i prodotti preconfezionati, ma molto spesso non le concedi – confessalo – neppure uno sguardo. Male, e sai perché? Te lo spiego qui sotto.

Fermati un attimo e rifletti: che cosa determina la tua scelta rispetto all’acquisto di un prodotto? La forma e il colore della confezione, l’immagine presente sul pacchetto o ancora, il relativo messaggio pubblicitario che gira in tv o nei canali social? Le industrie alimentari (e non solo) arruolano sociologi, psicologici etc per creare packaging sempre più originali che possano attrarre la tua attenzione e stimolare la tua voglia di “buono” e “gustoso”.

Per non cadere nella loro trappola, credi a me, esiste solo un metodo davvero infallibile: imparare a leggere l’etichetta del prodotto. Punto. E da lì non si scappa, perché è tutto scritto nero su bianco (se impari a tradurre le informazioni riportate). Avrai così un metro di misura impeccabile per capire se quello che stai per mettere nel carrello gioverà alla tua salute e, da non sottovalutare, al tuo girovita oppure no.

BERE dopo un intervento bariatrico

Posted by

Dopo un intervento bariatrico, parola d’ordine: BERE, BERE e ancora BERE

Non sempre è facile, è vero ma occorre impegnarsi per riuscirci! È davvero importante! Ne va del successo dell’intervento. L’acqua è la protagonista da preferire a qualsiasi altra bevanda, non gassata e neppure effervescente naturale. Per idratarsi, si può fare affidamento anche su frutta e verdura che sono molto ricche di acqua. Dopo l’intervento, si dovrà bere a piccoli sorsi, potrebbe essere utile iniziare già prima, per capire meglio ed arrivare più preparati e consapevoli. Di seguito alcuni consigli su quando, quanto e che cosa bere dopo un intervento per la riduzione del peso.

Se mangi troppo prima di “quei giorni” … potrebbe essere il disturbo disforico premestruale

Posted by

Nella settimana precedente le mestruazioni, il peso corporeo e le abitudini alimentari di molte donne vanno incontro a dei cambiamenti anche significativi. Per alcune (2-6% delle donne in età fertile) in particolare, si tratta di un appuntamento particolarmente critico. Nella fase premestruale accusano sintomi disturbanti, molto simili a quelli della depressione. La differenza principale rispetto a questi ultimi è che si manifestano soltanto nei giorni che precedono il ciclo mestruale. Si tratta del disturbo disforico premestruale, una forma particolarmente grave della sindrome premestruale. Molte donne che ne sono affette soffrono di bulimia nervosa e quindi tendono a mangiare di più nella fase premestruale del ciclo.

Che cos’è il disturbo disforico premestruale

Il disturbo disforico premestruale (Premenstrual Dysphoric Disorder o PMDD)  si caratterizza per la presenza durante la settimana premestruale di labilità affettiva (sbalzi d’umore, maggiore sensibilità al rifiuto etc), marcata irritabilità o rabbia, aumento dei conflitti interpersonali, umore nero e pensieri autocritici, marcata ansia e tensione, nervi a fior di pelle. In aggiunta a questi sintomi possono manifestarsi sintomi comportamentali e fisici: minor interesse nelle attività abituali, difficoltà di concentrazione, facile faticabilità, marcata modificazione dell’appetito, tendenza a sovralimentarsi o forte desiderio di cibi specifici, ipersonnia o insonnia, senso di sopraffazione o di essere fuori controllo, indolenzimento, dolori articolari o muscolari, tensione al seno, ritenzione idrica, sensazione di essere gonfia o aumento di peso anche di qualche chilo. I sintomi devono manifestarsi nella maggior parte dei cicli mestruali durante l’ultimo anno e devono avere un impatto negativo sul lavoro e la vita sociale della donna che ne soffre.

I disturbi alimentari associati
I cambiamenti ormonali e gli sbalzi di umore che avvengono nei giorni immediatamente precedenti le mestruazioni e nei primi giorni del ciclo, scatenano molto spesso un impulso irresistibile a mangiare voracemente cibi ricchi di grassi o zuccheri e ad alto contenuto calorico.
Il quadro è destinato a complicarsi ulteriormente se, oltre alla preoccupazione di contenere il proprio peso, è associato un disturbo alimentare già presente come la bulimia nervosa, il binge eating disorder o l’obesità. Il percepirsi infatti più gonfie, può incentivare il meccanismo dell’abbuffata compulsiva.
In “quei giorni” il cibo acquista il ruolo di regolatore dell’umore e la bilancia, spesso, quello di giudice del proprio comportamento alimentare. La conseguenza è che maggiore sarà il peso, più basso sarà il tono dell’umore.

E’ normale avvertire più forte il bisogno di consumare cibi dolci nel periodo premestruale?  LA RISPOSTA È SI.
Sono infatti frequenti gli attacchi di fame, caratterizzati dal desiderio di un alimento preciso il cui consumo durante il mese viene centellinato poiché classificato come “proibito” (pane, pasta, cioccolato). I cosiddetti “attacchi di fame compulsiva” che si possono registrare nel periodo premestruale, paiono essere scatenati da un calo dei livelli di zuccheri nel sangue ed influenzati dai livelli di serotonina.
Questo neurotrasmettitore, oltre a svolgere un ruolo nella regolazione del sonno e della temperatura corporea, è importante nel controllo del tono dell’umore e nella gestione dell’appetito. La serotonina interagisce inoltre nella regolazione degli ormoni estrogeni e del progesterone, gli ormoni sessuali femminili.

Curiosamente, pare che, per le donne che soffrono di PMDD, mangiare cioccolato stimoli la produzione di endorfine (noti anche come “ormoni della felicità”, sostanze prodotte dal cervello e dotate di proprietà analgesiche), riducendo così in modo naturale i disturbi tipici di questo periodo. In ogni caso, la terapia per il disturbo disforico premestruale (PMDD) consiste solitamente nell’uso di antidolorifici e antinfiammatori.

Secondo le ultime ricerche parrebbe esserci inoltre una correlazione tra il disturbo alessitimico o alessitimia (ovvero un deficit della sensibilità emozionale ed emotiva, dove vi è un’impossibilità a comprendere, percepire e descrivere i propri e gli altrui stati emotivi) il PMDD e l’insoddisfazione corporea.
In questi casi, dunque, gli sbalzi d’umore sarebbero riconducibili ad un problema legato alla propria immagine corporea, vissuta in maniera conflittuale.

Per quanto riguarda il PMDD, stiamo studiando in Emotifood una terapia che preveda un’azione combinata di dieta e psicoterapia cognitivo-comportamentale al fine di consentire la capacità di “leggere” e descrivere i propri e gli altrui sentimenti e l’alimentazione.

Avocado: contrasta il colesterolo e abbonda di antiossidanti

Posted by

L’avocado (Persea Americana) è un frutto antico, originario dell’America Centrale (“aguacate”), consumato già ai tempi degli Atzechi e dei Maya. L’avocado Hass (guatemalteco), il più diffuso, è di colore purpureo tendente al marrone, con buccia spessa e forma ovale. Il Fuerte messicano ha buccia sottile, lucida e liscia di colore verde scuro, è a forma di pera ed ha un minor contenuto di oli insaturi. La polpa è burrosa, di colore giallo chiaro, quando l’avocado è a giusta maturazione.
L’elemento più rilevante per la salute è l’apporto di acidi grassi monoinsaturi (acido oleico e linolenico) e omega 3, grassi “buoni” in quanto capaci di stimolare la produzione di colesterolo “buono” (colesterolo-HDL) e frenare il deposito di quello cattivo (colesterolo-LDL). Quindi un grande amico del cuore e dei nostri vasi. Ma non solo.
L’avocado è anche molto ricco di fitonutrienti, sostanze antiossidanti che aiutano a eliminare l’eccesso di radicali liberi e a combattere lo stress ossidativo che accelera l’invecchiamento. Altri antiossidanti potenti di cui è ricco l’avocado? Vitamina A ed E, che proteggono la pelle dalle rughe e ne aumentano l’elasticità ma non solo, anche glutatione e luteina. Infine, l’avocado è un’ottima fonte di potassio, calcio e fosforo. Ha proprietà antinfiammatorie e facilita l’assorbimento dei nutrienti.

Le proprietà nutrizionali dell’avocado
L’avocado è tra i frutti più ricchi di grassi (in assenza di colesterolo) e di proteine vegetali. Contiene anche moltissime vitamine, in particolare la vitamina A, ma anche le vitamine C, D, E, K e alcune vitamine del gruppo B. Ogni 100 gr di avocado contengono 19 g (fino a punte di 23 g) di grassi (in prevalenza grassi insaturi, cioè grassi buoni), 7 g di zuccheri (secondo altre fonti meno) e 2 g di proteine (con punte fino al 4.4), (vedi tabelle sopra).
L’avocado è un frutto energetico: ogni etto di polpa fornisce circa 230 chilocalorie, occorre quindi tenerne conto nell’ambito dell’introito globale della dieta giornaliera. Tra i sali minerali, troviamo soprattutto potassio, fosforo, calcio, sodio e ferro. Buona anche la percentuale di fibre (3.3 g su 100 gr di frutto edibile).

I benefici per la salute

Grazie all’alto contenuto di grassi buoni, oli insaturi e omega-3, il consumo regolare di avocado fa bene al cuore e ai vasi perché favorisce la produzione di colesterolo “buono” (HDL-colesterolo) e aiuta a frenare il deposito di quello “cattivo” (LDL-colesterolo). L’avocado, quindi, aiuta a prevenire l’arteriosclerosi e le patologie causate dall’ostruzione del cuore e delle arterie.

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

L’avocado è anche molto ricco di sostanze antiossidanti naturali (in particolare vitamine A, E e C che giocano in squadra) che contrastano i processi di invecchiamento (promossi dai micidiali radicali liberi) e le malattie cosiddette “degenerative”, fornendo all’organismo umano tutte le proprietà benefiche della lotta ai radicali liberi. Diversi studi ne hanno anche documentato – con alti consumi – un effetto contrastante l’insorgenza di tumori, ad esempio della bocca e della prostata.

L’avocado possiede un indice glicemico pari 10, quindi estremamente basso, che rende questo frutto adatto anche alle persone con diabete, pur tenendo conto dell’alto contenuto calorico. Alcuni studi hanno documentato che dà una mano nel controllo dei livelli glicemici in soggetti con intolleranza agli zuccheri.

Abbiamo detto che l’avocado è molto ricco di potassio: la polpa di un frutto ne contiene quanto tre banane, per darvi un’idea. Il potassio aiuta a tenere sotto controllo la pressione arteriosa ed è coinvolto nel mantenimento di un buon equilibrio dei sali minerali, ad esempio dopo una abbondante sudorazione, quando fa caldo e durante un allenamento sportivo.

Le mucillagini di cui è ricco l’avocado contribuiscono a disinfiammare le mucose dello stomaco e dell’intestino. È stato anche dimostrato che il consumo regolare di avocado favorisce l’assorbimento intestinale degli altri nutrienti.

Quando è controindicato
Se si soffre di insufficienza renale, è meglio evitare l’avocado, per il suo alto contenuto in potassio (in caso di dubbio, consultatevi sempre con il vostro medico e/o nutrizionista di fiducia).
Gli avocado, come le banane, contengono alcuni enzimi (chitinosi) che possono causare reazioni allergiche nelle persone sensibili al lattice. In questi casi, naturalmente è necessario evitare di toccare o mangiare avocado.
Il trattamento degli avocado con il gas etilene per affrettarne la maturazione può aumentare la presenza di questi enzimi allergenici. È raccomandabile, quindi, soprattutto per i soggetti predisposti alle allergie, di scegliere frutti di coltivazione organica non trattati con l’etilene, poiché hanno meno composti allergenici.

Porzioni… e oggetti di uso comune: cose che ti facilitano la dieta #4

Posted by

Per definire la quantità in grammi di una porzione media, riportata nei LARN (Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia), gli esperti hanno preso in considerazione i consumi medi di alimenti della popolazione italiana, per quantità e frequenza, nonché le grammature di alcuni prodotti confezionati e delle monoporzioni presenti sul mercato. Esiste però un altro modo, molto più pratico, per definire rapidamente le porzioni ed è quello di utilizzare come riferimento il volume – oltre che delle mani (già illustrato in altro articolo) – anche di oggetti di uso comune, posate, tazze, ma anche mouse, palline da golf e da tennis, mp3 e altri.

Porzioni… a portata di mano: cose che ti facilitano la dieta #3

Posted by

Senza ricorrere continuamente a una bilancia da cucina, per misurare in modo rapido e diretto le quantità dei cibi, nel quotidiano si possono utilizzare sistemi semplici e funzionali per le nostre esigenze. Uno dei sistemi più semplici è quello di confrontare i volumi dei cibi di una giornata alimentare (colazione, pranzo, cena ed eventuali spuntini) con i volumi delle mani. Il paragone dovrà essere fatto con i cibi già pronti per essere mangiati. Le porzioni risulteranno diverse in quantità per gli uomini e per le donne, per la differenza di volume delle mani.

Il calcolo delle porzioni: cose che ti facilitano la dieta #2

Posted by

A far fallire una dieta o a provocare il deperimento fisico non è solo la scelta di cibi troppo calorici o troppo poco. Spesso anche se scegliamo gli alimenti giusti, sbagliamo il modo (o le quantità) con cui li associamo. Impariamo allora insieme “come” e “quanto”, per raggiungere il benessere. Parliamo di porzioni e dintorni.

Dall’elenco della spesa …
Hai messo a punto l’elenco della spesa con la consulenza del tuo nutrizionista dunque non ti puoi sbagliare: se rispetti le sue indicazioni il carrello si riempirà di cibi sani e leggeri, colorati e gustosi che ti aiuteranno a far incetta di sostanze antiossidanti, vitamine, minerali e di tutto ciò che il tuo organismo necessita per stare bene. E fino a qui, non fa una piega.

… cosa mettere nel piatto
Il passo successivo consiste nell’assemblare gli alimenti in modo tale da costruire una colazione, pranzo, cena o spuntino bilanciati: ed è qui che ti perdi. Cosa mettere nel piatto? Un po’ di questo e un po’ di quello, ovvio, ma con che criterio? E poi ancora in quale quantità? Eccedere nelle porzioni oppure consumare insieme due fonti dello stesso macronutriente dimenticandosi totalmente degli altri (magari per seguire la moda del momento), può rappresentare un errore di quelli che vanno a pesare sulla bilancia. E così l’ago non si sposta, anche se hai eliminato lo zucchero e i carboidrati raffinati, le merendine, le bevande gassate etc.

Ti senti frustrata/o (e come biasimarti) perché rinunciare – soprattutto all’inizio – a certe cattive abitudini non è semplice, se poi hai l’impressione (che solo impressione non è, ahimè) che non serva a nulla, si salvi chi può. Ferma tutto, azzera i pensieri e poi riparti: non gettare la spugna, probabilmente devi solo aggiustare il tiro, imparare a dosare e a bilanciare.

 

Il diario alimentare: cose che ti facilitano la dieta #1

Posted by

Secondo i risultati di diversi studi, chi si appunta tutto ciò che mangia durante la giornata sulle pagine di un quaderno dimagrisce di più. Ma come si compila il diario alimentare? Scopriamolo insieme ad Emanuela Russo ed Emanuel Mian di Emotifood.

Ti è mai capitato di veder salire l’ago della bilancia senza capire il perché? Sei convinto di aver messo in pratica tutti i consigli nutrizionali del tuo dietologo, ma la pancia non scende o – ancor più grave – continua ad aumentare? No panic: fai un bel respiro e prova a ripercorrere con calma la tua ultima giornata: un cioccolatino durante la pausa caffè, qualche caramella durante il tragitto in macchina da casa al posto di lavoro, una bibita gassata dopo l’allenamento in palestra… Non sempre ti rendi conto di tutto quello che mangi durante la giornata, soprattutto se sei abituato/a a nutrirti fuori casa a colazione e/o a pranzo, oppure se ceni tardi dopo una giornata tutta di corsa.

A confermare quanto sopra sono i risultati di diversi studi tra cui uno studio americano pubblicato sull’American Journal di medicina preventiva, secondo cui tra un gruppo di persone sottoposte allo stesso regime ipocalorico, quelle che avevano compilato un diario alimentare durante tutto il periodo della dieta, erano dimagrite ben il doppio rispetto a coloro che non lo avevano fatto.
Una maggior consapevolezza di quello che mangiamo costituisce dunque il primo passo verso scelte nutrizionali più corrette.

Ma non solo. Il diario alimentare costituisce anche un valido strumento per capire cosa ti induce a consumare cibo: sono infatti spesso le emozioni a guidarti verso il frigorifero o la dispensa. Scriverle nero su bianco, collegandole alle situazioni che stai vivendo, ti permetterà di gestire meglio il tuo istinto.

Clicca qui per scaricare il DIARIO ALIMENTARE EMOTIFOOD

Nel suo libro MINDFOODNESS, Emanuel Mian propone anche un’ulteriore versione elaborata di Diario di Monitoraggio, utile per trovare il proprio personale segnale di STOP (“STOPerfarecasino”), da sfruttare in tutti quei momenti che ti predispongono più o meno ragionevolmente al cibo per capire quali confini stati toccando giorno dopo giorno. Il segnale di STOP è ciò che ti serve, per fermarti all’istante e trovare una scusa per temporeggiare e abbandonare il “campo alimentare” (per approfondire, vai alle pagine 125-127 del libro).

EMDR disturbi alimentari: di cosa si tratta?

Posted by

EMDR è una sigla che sta per “Eye Movement Desensitization and Reprocessing” e rappresenta una tecnica terapeutica che sfrutta i movimenti oculari per facilitare e accelerare l’elaborazione e la desensibilizzazione di eventi traumatici disturbanti. Nell’ultimo decennio, ha ricevuto importanti riconoscimenti internazionali, che l’hanno accreditata come una terapia elettiva per il Disturbo da Stress Post-Traumatico (PTSD) in quanto è stata inserita nelle linee guida dell’International Society for Traumatic Stress Studies, e il British Journal of Psychiatry e l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).

Come funziona l’EMDR?
Innanzitutto questa tecnica sembra permettere al paziente un’esposizione graduale al materiale traumatico (nel caso dei miei trattamenti relativamente alle fobie specifiche) e i movimenti oculari potrebbero indurre dei cambiamenti direttamente legati all’elaborazione dei ricordi ed effetti sulla memoria assimilabili a quelli che si verificano durante le fasi REM del sonno. I movimenti oculari indurrebbero una risposta di rilassamento favorendo la desensibilizzazione della risposta ansiosa.

Alcuni studi scientifici hanno mostrato una riduzione della vividezza delle immagini legate al ricordo traumatico, dei pensieri relativi ad esso, dell’emozione collegata, ed un incremento della flessibilità cognitiva, oltre a vari cambiamenti fisiologici come il rallentamento del battito cardiaco. Particolarmente indicato nella cura del PTSD (Disturbo Post-Traumatico da Stress) l’EMDR si è via via trasformato in un approccio sempre più raffinato, complesso e globale, in grado di affrontare gran parte dei disturbi psicopatologici.

L’EMDR, quindi, inserito all’interno del protocollo utilizzato per la gestione del paziente affetto da tutti i timori relativi al cibo rappresenta uno strumento ulteriore, che può permettere una gestione più agevole di alcuni contenuti traumatici cruciali nella fobia che si vuole trattare.

Come dire a tuo figlio che “qualcosa non va”

Posted by

Come dire a vostro figlio che qualcosa non va o che ha sbagliato? Argomento difficile, spesso teatro di accese discussioni in famiglia.

Scoprite come migliorare la comunicazione in famiglia con questa infografica di Emanuel Mian, psicoterapeuta di Emotifood perché “non esiste una famiglia perfetta, ma è possibile diventare “bravi genitori”…

Chiedi agli esperti

Estate, tempo di grigliate

Posted by

Dici grigliata e metti subito allegria. Questo tipo di cottura, che si può eseguire con la griglia elettrica o alla brace, consente di cucinare i cibi rapidamente grazie all’alta temperatura, aiuta a eliminare il grasso in eccesso e mantiene intatti i principi nutrizionali degli alimenti. Attenzione però a non abbrustolire troppo gli alimenti, per evitare che si formino prodotti tossici come gli AGE, dall’inglese, dall’inglese “Advanced Glycation End-products”.

L’alimentazione selettiva nell’infanzia, le ragioni di una scelta

Posted by

I bambini quasi sempre hanno un comportamento alimentare che induce solo all’assunzione di un certo tipo di alimenti. Con la crescita e lo sviluppo, soprattutto quando iniziano a frequentare la scuola materna, si accostano sempre di più a cibi nuovi e sono loro stessi a chiedere di poterli assaggiare.
In alcuni casi però, anche se già grandicelli, continuano a rifiutare categoricamente l’assunzione di alimenti mai provati e a volte, quando obbligati a ingerirli, li vomitano o sembrano sul punto di farlo.

Le mamme sono costrette, pur di sfamare i piccoli, a giostrarsi fra 4-5 scelte alimentari, che se fosse per loro, spesso sarebbero in fondo alla lista dei cibi genuini e nutrienti!

Ciononostante, i bambini con questa problematica riescono quasi sempre a raggiungere peso e altezza nella norma.

A livello caratteriale però, rimangono attaccati a ciò che conoscono bene e di cui si fidano di più: come per il cibo, non amano cambiare le loro abitudini, sembrano impauriti all’idea di frequentare posti diversi da quelli a cui sono abituati e vivono con difficoltà evidente il confronto con persone, anche coetanee, che incontrano per la prima volta. Si chiudono in un “loro mondo”, fatto di cose sempre uguali, dove è molto difficile, quando non impossibile, riuscire ad entrare.

Un’alimentazione di tipo selettivo, è spesso l’esordio di una vita sociale fatta di solitudine, che con l’andare del tempo può trasformare il bambino in un soggetto “non accettato”. Secondo diverse stime, una percentuale tra il 14% e il 20% dei genitori di bambini in età pre-scolare (2-5 anni di età) riferisce infatti che i propri figli appaiono spesso o sempre selettivi nelle loro scelte alimentari.

Quando si presentano situazioni di questo genere, o si hanno dei dubbi in proposito, è bene non esitare e cercare di risalire alla causa scatenante, senza indugi.

Alcuni bambini, quasi sempre d’età compresa tra i 5 e i 16 anni, hanno paura di mangiare certi cibi perché convinti, che essi possano farli vomitare o soffocare e – nei casi più gravi – persino morire avvelenati.

Tutto ciò può essere riconducibile a un trauma di tipo infantile, oppure a un errato comportamento di uno o entrambi i genitori nei confronti del piccolo. La soluzione migliore è cercare quanto prima l’aiuto di uno specialista, che stia accanto al piccolo, in un percorso di tipo terapeutico, atto ad ottenere e mantenere un buon rapporto non solo con il cibo, ma anche con il mondo circostante.

La cucina sensoriale

Posted by

Impastare il pane, infornarlo e godere del suo profumo fragrante che man mano riempie la stanza, fare i biscotti, tirare la sfoglia fine tra le dita, lavare la verdura e sentirne la differente consistenza delicata o carnosa, la superficie liscia o ruvida, il colore, l’umidità, l’aroma dei succhi. In tutti questi semplici gesti, si realizza il diretto contatto con la materialità del cibo che entra in assonanza con la nostra capacità creativa.

La riscoperta di un rapporto multisensoriale con ciò che nutre corpo ed emozioni
Esercitando gusto, tatto e olfatto si può compensare l’impoverimento della sfera sensoriale prodotto dalla vita frenetica di ogni giorno. Forse anche per questo, la cucina sta tornando così in auge come universo di degustazione e come laboratorio del piacere e del fare sano. Il cibo, del resto, è un bisogno del corpo ma anche dell’anima. Mettersi ai fornelli consente di gestire questo bisogno e di soddisfarlo, nutrendosi di sensazioni che saziano l’anima oltre al palato.

A questo proposito, si spiega il successo e la diffusione di corsi di cucina, per ogni livello e ogni interesse. Scegliere gli ingredienti, toccarli e annusarli, porta a riscoprire il lato positivo della tavola, a riarmonizzare il rapporto con la dieta, puntando più sulla qualità che sulla quantità di ciò che si mangia. In questo modo, la fame perde i suoi connotati di ansia e, durante le lezioni di gruppo, che Emotifood organizza periodicamente, il lavoro collettivo funziona come una terapia in cui la condivisione di valori positivi promuove miglioramenti nello stile alimentare di ciascuno dei partecipanti.

LEGGI ANCHE → Mindful Eating, per “sentire” meglio il cibo
NB. Anche nel suo nuovo libro – MINDFOODNESS – Emanuel Mian approfondisce il concetto di mindful eating

Mindful Eating, per “sentire” meglio il cibo

Posted by

Capita a molti, specie coloro che lottano con peso e cibo, di ritrovarsi a mangiare più del dovuto, senza sapere cosa fare per evitare di eccedere con gli alimenti. Di fronte al proprio piatto preferito, magari proprio a quello che la dieta classificherebbe come “proibito”, si può trovare un milione di motivi che giustifichino il “da domani mi rimetto a dieta!”.

Molti di voi che state leggendo, sicuramente vi riconoscerete in comportamenti simili a quello descritto, e magari ne parlarne spesso con i vostri amici o familiari: anche in questa circostanza, è frequente che venga detto che “….è inutile dare troppo peso al cibo” e che si dovrebbe gioire solamente e godere di quanto abbiamo nel piatto.

Fosse facile! Per ovviare a questo, esistono molte tecniche e una strategia che usiamo nei nostri “Centri Emotifood“, utile per guidare le persone con qualche chilo di troppo a liberarsene senza grandi sacrifici, è il mindful eating. Un termine che deriva da mindfulness, cioè la capacità di concentrarsi in maniera totalizzante sull’esperienza presente, rimanendo nel “qui ed ora”.

Un atteggiamento, questo, che permette una maggiore consapevolezza riguardo al proprio rapporto con il cibo. Alcune nostre ricerche indicano che dopo sole sei settimane di questo “training”, i partecipanti diminuiscono di oltre il 20% la tendenza a mangiare fuori controllo. La sensazione di fame scende del 40%, ed i comportamenti relativi alle “abbuffate” anche del 47%. Vi è nel contempo anche un miglioramento rispetto alle emozioni di ansia, malinconia, vuoto e tristezza che, lo ricordiamo, accompagnano spesso gli episodi di “fame nervosa”.

Il mindful eating, al termine di un breve training , permette di prestare attenzione al gusto ed al profumo del cibo, così come di portare alla propria consapevolezza in maniera “migliorata” le sensazioni di fame e sazietà. Una tecnica che però richiede alcune semplici regole che Emanuel Mian ed Emanuela Russo di Emotifood mostrano in questa infografica.

Se si sta dunque cercando di gestire il proprio corpo (sia troppo magro che con peso in eccesso) mantenendolo in forma e “funzionante al meglio” o semplicemente si vuole gustare maggiormente quanto si porta in tavola, apprezzando la compagnia di chi è insieme a noi, seguite i consigli degli esperti!

LEGGI ANCHE → La cucina sensoriale
NB. Anche nel suo nuovo libro – MINDFOODNESS – Emanuel Mian approfondisce il concetto di mindful eating