Archive for marzo, 2020

VECCHIO MA NUOVO: IL DIGIUNO

Posted by

Parlare di digiuno è un po’ come fare una lezione di storia perché da sempre l’uomo e la privazione di cibo convivono.

All’inizio era un digiuno forzato dalla mancanza di cibo: la caccia o il raccolto non erano andati bene e perciò non si mangiava. Poi l’essere a stomaco vuoto è diventato uno strumento di purificazione spirituale per avvicinarsi alla divinità come accadeva ai Fenici e agli Assiri, ma anche nelle religioni storiche come il Cattolicesimo, il Cristianesimo ortodosso, l’Islamismo e molte altre.

Gli Egizi non mangiavano per conservare la buona salute e la vitalità giovanile e i filosofi greci come Pitagora, Socrate e Platone per mantenere l’efficienza mentale.

Molti hanno usato il digiuno come forma di protesta politica e sociale, ma soprattutto si usava ed è stato recentemente rivalutato in campo medico. Primo tra tutti Ippocrate che prescriveva il digiuno come pratica terapeutica.

FARINA DEL TUO SACCO

Posted by

Le origini della farina si perdono nella storia. Già nel Paleolitico erano stati fatti i primi tentativi di molitura che poi nel corso del tempo si sono perfezionati tant’è che ci sono testimonianze sulla produzione di sfarinati in epoca egizia, greca e romana.

Anzi, furono proprio i Romani a chiamarla farina, da “far” ovvero farro, cereale molto diffuso e coltivato all’epoca dell’Impero.

Anche oggi, come allora, la farina ha un ruolo centrale nella nostra alimentazione perché quotidianamente ci accompagna in tavola sotto forma di pane, pasta, torte, biscotti, pizze, focacce e molti altri prodotti.

Come sceglierla? Quante tipologie di farina esistono? Proviamo a capire.

Smart Emotifood

Posted by

CONSULENZA con la dr.ssa Russo

Pratico

Sappiamo che non sempre è facile rimanere concentrati sui propri obiettivi per quanto riguarda la tua nutrizione e motivazione e quindi, se insieme a te ci siamo noi di Emotifood, tutto sarà più semplice!

Personalizzato

Proprio come un “vestito su misura”, cuciremo addosso ai tuoi obiettivi il metodo Emotifood che ti permetterà di raggiungerli in tempi brevi.

Efficace

Gestire il tuo peso e mantenere i risultati raggiunti non sarà un problema perchè in Emotifood ti forniamo gli strumenti per non ritornare più indietro.

DOLCE COME…

Posted by

Quando parliamo di dolce viene quasi spontaneo pensare allo zucchero. Tuttavia non è il solo a dispensare dolcezza, perché la categoria dei dolcificanti conta moltissimi rappresentanti con proprietà e caratteristiche differenti.

I dolcificanti, o edulcoranti, sono sostanze che vengono aggiunte ai cibi e alle bevande allo scopo di dar loro un sapore dolce.

È un mondo molto complesso e per cercare di orientarsi e capire quali e quanti siano i dolcificanti si utilizzano generalmente due criteri:

  • La provenienza. In base all’origine del dolcificante si possono distinguere dolcificanti naturali, cioè estratti a partire da cereali, piante o frutti e dolcificanti artificiali sintetizzati in laboratorio.
  • Il potere dolcificante. È la capacità che ha un edulcorante di rendere più dolce il cibo/bevanda a cui viene aggiunto rispetto al saccarosio (zucchero da cucina), che è lo zucchero di riferimento e che ha un potere dolcificante pari a 1. Ad esempio se una sostanza ha un potere dolcificante pari a 20 vuol dire che dolcifica 20 volte più del saccarosio e che per avere lo stesso sapore “dolce” dello zucchero ne servirà 20 volte meno.

L’apporto calorico non viene invece utilizzato come criterio di distinzione tra gli edulcoranti perché molto variabile e perché comunque va sempre rapportato al potere dolcificante.

QUEL LANGUORINO PRIMA DI ANDARE A LETTO

Posted by

È finalmente ora di andare a dormire, ma prima si avverte il bisogno di mangiare qualcosa, quasi a voler avere un ultimo conforto prima della notte.

Una volta davanti al frigorifero cosa scegliamo? Ci facciamo guidare dall’istinto del momento o ci sono degli alimenti che vanno meglio di altri?

GLI IMMANCABILI…IN DISPENSA E NEL FRIGORIFERO

Posted by

Quando andiamo a fare la spesa ovviamente acquistiamo ciò che soddisfa i gusti e le esigenze nostre e della nostra famiglia, ma al di là delle preferenze personali ci sono degli alimenti che non dovrebbero mai mancare nelle nostre case.

FAME NERVOSA…QUALCHE IDEA PRATICA PER GESTIRLA

Posted by

Improvvisa, immediata, lavora sotto soglia fino a diventare un chiodo fisso. Cos’è?

È la fame nervosa che spesso porta a soffocare le emozioni, specie quelle sgradevoli, con grandi quantità di cibo o con alimenti di scarsa qualità nutrizionale.

Si tratta di una vera e propria perdita di controllo a cui, dopo un momentaneo senso di piacere, fa seguito una serie di emozioni negative tra cui il senso di colpa e il fallimento senza contare, sul lungo termine, le conseguenze sul peso e sulla salute.

È DAVVERO FAME O È PIU’ VOGLIA DI…

Posted by

Il titolo si rifà ad una celebre pubblicità di qualche tempo fa, ma rende esattamente l’idea di quello di cui parliamo.

A chiunque sarà capitato di mangiare qualcosa anche se non era esattamente “l’ora di mangiare” e di solito ci si ritrova a sgranocchiare snack, cioccolato, patatine quasi senza seguire una logica di gusto.

Questa condotta alimentare non dipende da esigenze fisiologiche (fame vera), ma è legata a componenti emotive (ansia, stress, rabbia, tristezza..) dove il cibo diventa la strada per ritrovare un ideale stato di benessere.

CEREALI DA RISCOPRIRE: IL GRANO SARACENO

Posted by

Non se ne sente molto parlare e probabilmente pochi di noi lo hanno in dispensa, ma il grano saraceno è uno di quegli alimenti che per le sue caratteristiche nutrizionali e per il suo sapore non può che rientrare nella categoria dei “cereali da riscoprire”.

SISTEMA IMMUNITARIO: PRENDIAMOCENE CURA

Posted by

Come vi immaginate la città più sicura del mondo? Magari con forze dell’ordine che controllano le strade, telecamere e sofisticati sistemi di sorveglianza così che anche il più piccolo disordine possa venire bloccato sul nascere.

Anche noi possediamo qualcosa di simile. La nostra rete di sicurezza si chiama sistema immunitario e lavora 24 ore su 24, nell’ombra e senza sosta, per proteggere il corpo sia dagli attacchi esterni ad opera di batteri, parassiti e virus sia dagli attacchi interni di alcune nostre cellule che talvolta “impazziscono”.

Si tratta di una vero e proprio sistema di difesa diffuso, dotati di centrali operative (milza, midollo osseo, linfonodi, tonsille, timo) e di agenti specializzati appartenenti alla squadra dei globuli bianchi (linfociti, macrofagi..) che attraverso le “strade” del sistema circolatorio e linfatico controllano che sia tutto in ordine. Un po’ come immaginavamo da piccoli guardando “Esplorando il corpo umano”. A chi non è venuto in mente?

Vero è che per far funzionare tutto questo al meglio bisogna prendersene cura ogni singolo giorno fornendo benzina buona e sufficiente e facendo manutenzione costante, come alle macchine. Se no le prestazioni calano inevitabilmente.