Archive for the ‘Chiedi agli esperti Emanuela’ Category

Corsi di cucina

Posted by

Il cibo costituisce una delle principali fonti di energia, emozioni e piacere con la quale ci troviamo ad interagire ogni giorno. Per questo motivo Emotifood ha pensato di portare i propri pazienti all’interno di una vera cucina e di farli partecipare attivamente a uno o più corsi durante i quali, lo chef Roberto Di Mauro li guida nella preparazione di pietanze gustose ma salutari, in grado di appagare il palato e regalare piacevoli emozioni, rispettando i canoni alla base della corretta alimentazione. Ad affiancare lo chef durante le lezioni ci sono sempre anche la d.ssa Emanuela Russo e lo psicologo Emanuel Mian, pronti a dare consigli e supportare i partecipanti in questa coinvolgente esperienza che è parte integrante del progetto Emotifood.

Per chi deve perdere peso si tratta di un approccio innovativo verso la dieta (intesa come stile di vita): un modo stimolante e piacevole per imparare ad applicare ogni giorno le regole alla base della sana nutrizione, comprendere al meglio come cucinare piatti bilanciati e sfiziosi, dosare le quantità, abbinare e scegliere le fonti migliori per riconquistare la linea ed il benessere e, perché no, far tesoro dei trucchi dello chef per la perfetta riuscita dei piatti.

Per chi invece soffre di disturbi alimentari effettuare un viaggio attraverso i 5 sensi in cucina, partendo da un contatto vero ma “giocoso” con gli alimenti, i loro profumi, i colori e i sapori può rappresentare un buon modo per riconciliarsi con la più grande fonte di benessere che tutti abbiamo a disposizione: il cibo.

Al termine di ogni corso i pazienti consumano ciò che hanno preparato: un momento di confronto, convivialità ed incontro utile per affrontare con il sorriso il proprio problema e raggiungere più facilmente l’obiettivo.

Scarica la ricetta di Emoticook Bariatric
con Emanuela Russo – Dietista e lo chef Roberto Di Mauro!

Emoticook Bariatric – È partita la prima lezione ed è già un successo!!

Educazione alimentare

Posted by

EDUCAZIONE ALIMENTARE nelle varie fasi della vita. Incontri e iniziative anche scolastiche, perché – si sa – le buone abitudini s’imparano da piccoli.

RI-EDUCAZIONE NUTRIZIONALE prima, durante e dopo intervento di chirurgia bariatrica. Il ruolo del supporto dietetico – insieme a quello psicologico –  in questi pazienti è particolarmente importante sin dalla prima visita e per tutto il percorso di follow up. Il paziente dovrà imparare a mangiare in modo nuovo e mantenere alta la motivazione per aderire strettamente alle indicazioni fornite che, soprattutto nelle prime fasi post-operatorie sono particolarmente rigide. Solo in questo modo potrà mantenere il calo di peso ottenuto con il resetting chirurgico.

Ogni paziente è un mondo a sé stante, con un sua propria capacità di adattamento; tra i nostri compiti vi è quello di aiutarlo in qualsiasi momento a gestire al meglio la propria dieta e di supportarlo nei momenti di eventuale sconforto o nel caso di insorgenza di problemi.

Elaborazione dei dati e stesura del piano dietetico personalizzato

Posted by

Elaborazione di schemi dietetici appropriati per il singolo soggetto e finalizzati all’acquisizione di corrette abitudini alimentari in tutte le età e le fasi della vita, dall’adolescenza alla vecchiaia, al calo di peso, al miglioramento della composizione corporea, all’ottimizzazione della prestazione sportiva o della performance di lavoro o di studio.

Armband®

Posted by

ARMBAND® è un bracciale multisensore brevettato da Emotifood che, indossato per un periodo di tempo continuo, monitora l’attività fisica quotidiana, calcola il dispendio energetico giornaliero e raccoglie altri dati fisiologici e sullo stile di vita, durante il giorno e durante il riposo.
Lo strumento, facile da indossare e da leggere, comprende tre componenti: (1) la fascia che si indossa sul braccio (la parte del corpo che, secondo vari test, offre la miglior accuratezza nella raccolta dei dati e il miglior comfort per il soggetto) che acquisisce i segnali fisiologici; (2) algoritmi in costante evoluzione che elaborano i segnali ricevuti e li trasformano in informazioni sullo stile di vita della persona; (3) un software che presenta i dati in modo articolato e aiuta a interpretare utili informazioni su movimento, attività fisica, bilancio energetico, sonno etc del soggetto che indossa il bracciale.
L’attività fisica e l’esercizio regolari rappresentano un fattore chiave nella prevenzione di obesità, diabete di tipo 2, ipertensione e altre malattie croniche. Armband® consente di valutare, in modo oggettivo, la capacità del soggetto di aderire alle raccomandazioni del medico/nutrizionista.
Chi indossa Armband® è stimolato a svolgere più attività fisica (un giro più lungo con il cane, fare le scale invece che prendere l’ascensore, camminare di più, fare passeggiate con gli amici, etc).

La valutazione dello stato di nutrizione
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS / WHO), la nutrizione deve assicurare a ciascuno di noi almeno tre fattori:

  1. la crescita sulla base del proprio potenziale genetico
  2. l’efficienza psico-fisica
  3. l’aspettativa di vita.

Non sempre questi tre fattori sono ben garantiti dalla nutrizione, per questo in una popolazione è importante capire quanti e quali sono i soggetti “a rischio” (individui o gruppi) o con possibilità di guarigione per poter intervenire il più precocemente possibile. Proprio per questo può essere utile valutare lo stato di nutrizione (sia a livello individuale (per porre rimedio attraverso modificazioni adeguate della dieta e dello stile di vita) sia generale, elaborando statistiche di prevalenza o di incidenza delle forme di malnutrizione. In questo modo si ottengono elementi utili a programmare interventi istituzionali, per esempio le campagne di educazione alimentare nelle scuole e nelle piazze o altre iniziative più specifiche.

Le 3 variabili dello stato di nutrizione
Lo stato di nutrizione può essere definito da 3 variabili.

  1. IL BILANCIO ENERGETICO (vedi figura sottostante: I componenti del bilancio energetico) che può essere: in equilibrio quando le entrate sono uguali alle uscite; positivo, con entrate di nutrienti maggiori delle uscite (consumi) e negativo, quando sono i consumi ad essere più elevati delle entrate.
  2. LA COMPOSIZIONE CORPOREA, in particolare la quantità relativa di massa grassa e di massa magra
  3. LA FUNZIONALITÀ CORPOREA, da cui dipende lo stato di salute generale

Bioimpedenziometria (BIA)

Posted by

Consente un’analisi approfondita della composizione corporea nei differenti stati nutrizionali e fisiologici.
La bioimpedenziometria (BIA) si basa sulla misurazione della resistenza opposta dai tessuti del corpo umano al passaggio di una corrente alternata. La tecnica è semplice, rapida da eseguire e del tutto indolore. I tessuti privi di grasso sono buoni conduttori, perché sono ricchi di fluidi corporei e oppongono una bassa resistenza; al contrario, le ossa e il tessuto adiposo sono poveri di fluidi e di elettroliti e quindi sono più resistenti e a bassa conduzione.
La BIA consente di ottenere stime accurate dell’acqua corporea totale (TBW, della massa magra (FFM) e della massa grassa ( FM) nell’adulto sano e di altri parametri utili.

PER APPROFONDIRE:
Bioimpedenziometria: che cos’è e a che cosa serve di Emanuela Russo
Composizione corporea: perché è utile conoscerla?” di Emanuela Russo

Calorimetria indiretta

Posted by

La calorimetria indiretta è una metodica accurata che consente di valutare il metabolismo basale di una persona, che corrisponde al consumo di energia da parte dell’organismo in condizioni di riposo fisico e mentale e in stabilità termica. La calorimetria indiretta misura le variazioni di concentrazione di ossigeno e anidride carbonica nei gas respiratori. È un test utile anche per calcolare l’ossidazione dei substrati energetici (zuccheri, grassi e proteine).

Il metabolismo basale o Basal Energy Expenditure (BEE) o Basal Metabolic Rate (BMR) o Resting Metabolic Rate (RMR) sono i termini con i quali viene definito il Metabolismo Basale, cioè la quantità di energia spesa da una persona nelle seguenti condizioni: sveglio, in posizione supina, a distanza di 10 ore dal pasto, con temperatura corporea normale e in assenza di stress psico-fisici. In queste condizioni, il metabolismo basale rappresenta la quantità di calorie richieste dall’organismo per mantenere le funzioni fisiologiche vitali di base: respirazione, circolazione del sangue, attività metabolica, attività neuro-muscolare e mantenimento della temperatura corporea.

Plicometria

Posted by

La plicometria è una metodica tra le più semplici e a costo contenuto per la misurazione della composizione corporea ed in particolare del pannicolo adiposo di una plica cutanea. Viene effettuata attraverso l’uso di uno strumento chiamato plicometro (simile al calibro di un geometra). Si tratta in pratica di una sorta di pinza di metallo (quelle di plastica non sono attendibili!) con  una scala graduata che misura la distanza tra le punte mentre si esercita una pressione costante tra i margini della plica di circa 10g/mm².

La plicometria viene effettuata per convenzione sul lato sinistro del corpo, anche se non tutti gli autori sono d’accordo. I punti di repere possono essere i più vari: petto, area sotto la scapola, ascella, addome, tricipite e bicipite, coscia, polpaccio, area appena sopra la cresta iliaca.

Valutazione dello stato nutrizionale

Posted by

Lo stato di nutrizione riflette l’adeguatezza o l’inadeguatezza della dieta a breve o lungo termine. Esprime un aspetto dello stato di salute e condiziona a sua volta altri aspetti della salute stessa come la resistenza alle infezioni, la comparsa di malattie metaboliche e degenerative etc.

Lo stato di nutrizione rappresenta la particolare condizione biologica che deriva dal rapporto tra il fabbisogno individuale di nutrienti di ciascuna persona e il tipo di alimentazione personale (assunzione di nutrienti e utilizzo da parte della persona).

STATO DI NUTRIZIONE   Fabbisogno di nutrienti individuale
                             Assunzione e utilizzo di nutrienti

Quando vi è un equilibrio tra i due fattori, la nutrizione è adeguata (eunutrizione), quando vi è squilibrio compare uno stato di malnutrizione, che può essere per difetto (prevalgono i fabbisogni) o per eccesso (prevale l’introito di nutrienti) che porta a sovrappeso/obesità.

La valutazione dello stato di nutrizione