RICOMINCIARE AL MEGLIO…A TAVOLA E NON SOLO!

Per molti le vacanze sono finite o stanno volgendo al termine e comunque sia entro breve tempo torneremo tutti operativi.

E come sempre la ripresa è faticosa: ad agosto i ritmi sono più lenti, si ha più tempo a disposizione e si fa tutto con più calma; ma allo scoccare del mese di settembre tutto riparte vorticosamente, come una sorta di sveglia da un bel sogno. Bisogna concludere le cose lasciate in sospeso e dare l’avvio a mille nuovi progetti.

Questo passaggio “on – off” crea sempre un po’ di confusione anche nella gestione della giornata alimentare e nella pratica dell’attività fisica.

Iniziando a lavorare il tempo da dedicare alla cucina si riduce nettamente con il rischio di ricadere su scelte sbilanciate e talvolta poco salutari e anche il tempo per l’attività fisica subisce il contraccolpo della ripresa venendo spesso posticipato al mese venturo quando “ci sarà più calma”.

Si può scardinare questo sistema e iniziare settembre con calma e gradualità? Con un po’ di organizzazione e qualche piccolo trucco si può fare!


   

Ecco alcuni suggerimenti per non perdersi per strada:

  • Fai una spesa semplice e funzionale.

Avere a disposizione prodotti semplici e facili da cucinare è il primo passo per guadagnare tempo.

Frutta e verdura non possono mancare: preferiamole fresche e di stagione e acquistiamone una quantità sufficiente al fabbisogno settimanale per evitare sprechi. Si possono acquistare anche delle verdure surgelate (tipo fagiolini o spinaci) che sono di grande aiuto quando si ha poco tempo a disposizione.

I cereali integrali sono una buona base per preparare qualsiasi piatto. Oltre alla pasta, semplice e veloce, anche i cereali in chicco, come il riso venere, il riso rosso, l’orzo, il farro, il miglio o il grano saraceno sono ottimi per dare un po’ di varietà. Ci vuole un po’ più di tempo per cucinarli, ma si possono sempre scegliere le varietà precotte che in 10 minuti sono pronte. Nel carrello mettiamo anche dei fiocchi di avena o di altri cereali, perché sono ottimi sia per la colazione che eventualmente da aggiungere nelle minestre, e della farina integrale con la quale si possono fare innumerevoli preparazioni.

Tra le fonti proteiche la scelta è ampia: petti di pollo o tacchino e fettine di manzo o vitello sono una buona base per preparare pranzi e cene e pertanto è bene averli sempre a disposizione. Visto che nel frigorifero hanno una durata limitata un suggerimento è quello di porzionarli dopo l’acquisto e conservarli nel freezer: così facendo si potrà scongelare solo la quantità giusta al momento del bisogno. Lo stesso vale per il pesce che tra l’altro può essere acquistato anche già surgelato o in scatola

Uova e formaggi freschi sono altre ottime fonti di proteine e sono anche semplici e veloci da utilizzare, ma visto che non si possono conservare a lungo il loro acquisto dovrà essere gestito settimanalmente. Non vanno dimenticati i legumi per i quali si ha una grande offerta: possiamo acquistarli freschi, secchi, surgelati, in scatola o precotti a seconda del gusto e del tempo a disposizione per prepararli.

Yogurt, skyr e yogurt greco, se graditi, sono alimenti da avere sempre a disposizione perchè risolvono con facilità il omento della colazione e degli spuntini.

In ultimo possiamo acquistare semi oleosi e frutta secca per aumentare la quota di grassi e proteine dei nostri pasti e le immancabili spezie per dare gusto a qualsiasi piatto.

Con pochi ingredienti si possono creare pasti semplici, ma equilibrati.

  • Gioca d’anticipo con le preparazioni.

Un altro modo per non farsi trovare sempre con l’acqua alla gola in cucina è quello di preparare con anticipo alcuni piatti. Quando si prepara la verdura è meglio farne in più e poi riporla in un contenitore in frigorifero: così facendo si avrà un contorno già pronto per i 2 o 3 giorni successivi. È possibile anche dividerla in porzioni da mettere nel freezer per avere sempre una piccola scorta di cibo già pronto da usare nelle emergenze

Anche i cereali possono essere gestiti allo stesso modo: cotti, raffreddati e messi nel frigorifero possono diventare una buona base per creare il pranzo per l’ufficio (ad esempio unendoli a delle verdure e a del tonno o a delle uova) o per essere messi nel passato di verdura la sera a cena

  • Programma il tuo movimento.

Nella necessità di tornare nel più breve tempo possibile alla normalità spesso si tralasciano quelle cose che pensiamo possano portare via del tempo e l’attività fisica rientra in questa categoria. Meglio pensare invece che il nostro stato di benessere è intimamente collegato a quanto ci muoviamo ovviamente non intendendo il movimento come la corsa per andare al lavoro o lo sprint tra le casse del supermercato (è sempre movimento, ma non quello che serve per scaricarsi mentalmente).

Una sessione di allenamento, anche se di breve durata, rilascia una quantità di endorfine (ormoni del benessere) tale da farci accettare al meglio anche il più agitato dei rientri. Pertanto cerchiamo di programmare del tempo per correre, nuotare, andare in palestra o in piscina o per fare dell’home fitness perché i benefici sono garantiti.

  • 10 minuti al giorno per te.

Per poter fare al meglio le cose che “dobbiamo” fare al lavoro e a casa occorre star bene o, meglio ancora, fare qualcosa che ci fa star bene. Cosa significa? Vuol dire che nella routine quotidiana è importante crearsi un piccolo spazio personale nel quale fare qualcosa che ci piace: leggere, meditare, fare le parole crociate, prenderci cura del corpo…qualsiasi cosa che ci faccia concentrare su noi stesse fosse che solo per 10 minuti. Il beneficio sarà sia personale che per chi ci circonda.

  •  Riposa

Sembra banale ma un buon riposo è il miglior modo per ricaricare le batterie e mantenerle ad alti livelli il più a lungo possibile. L’ideale sono le famose 8 ore di sonno che possono essere agevolate dalla riduzione dell’uso di TV, smartphone e PC nel periodo che precede l’andare a letto. Un buon libro può aiutare la melatonina a rimetterci in sesto per la giornata successiva.

Settembre è appena iniziato e abbiamo tutto il tempo per provare a conservare al meglio le nostre energie: bastano alcuni piccoli gesti quotidiani per fare la differenza anche quando la strada sembra in salita.

Noi di EMOTIFOOD lo sappiamo bene e per questo siamo pronti a supportarti con consulenze personalizzate e percorsi mirati.

Emanuel Mian & Emanuela Russo
Chiedi agli esperti


Immagini: www.freepik.com